Annunciazione

 

Autore /Ambito scuola napoletana
Datazione XVIII secolo
Materia/Tecnica olio su tela
Misure 78×79 cm
Provenienza cattedrale di santa Maria Maggiore
Descrizione Il piccolo dipinto conservato nella cattedrale di Barletta rappresenta un’Annunciazione e presenta la Vergine Maria, a sinistra della scena, colta di sorpresa dall’apparizione dell’Arcangelo Gabriele mentre è intenta a leggere un libro. Le mani sollevate sottolineano proprio questo stupore, lo sguardo abbassato e le guance arrossate evidenziano la timidezza e il timore iniziale della giovane Vergine di fronte a tale apparizione. Accanto a Lei, quasi a occupare simmetricamente la parte destra della tela, vi è l’Arcangelo Gabriele dipinto di profilo che offre a Maria con la mano sinistra tre gigli, simbolo della sua purezza e verginità prima, durante e dopo il concepimento sacro. L’Arcangelo con la destra indica il cielo e la colomba simbolo dello Spirito Santo che scenderà su di Lei: con questi semplici gesti Gabriele, anche lui ritratto come un giovane adolescente, annuncia alla Vergine che concepirà il Figlio di Dio. L’ambiente non è definito se non dalla presenza del leggio davanti alla Madonna, vestita con mantello blu e veste rossa, ad indicare il suo duplice legame con la terra e il cielo, ossia l’umanità rivestita della divinità del Figlio. Il dipinto è estremamente delicato nella resa dei giovani protagonisti, nell’atmosfera soffusa e rischiarata solo dalla luce che si propaga dalla colomba, unica fonte di luce simbolica e reale. Dalle caratteristiche stilistiche, dai morbidi panneggi, dalla resa luministica, la tela si può collocare nell’ambito della pittura di scuola napoletana, opera di anonimo artista del XVIII secolo.
Visitatori: